Conferenza Stampa: Che fine ha fatto la Cooperazione allo Sviluppo?

Finanziaria 2010: Che fine ha fatto la Cooperazione allo Sviluppo?
Mercoledì 14 Ottobre 2009, dalle 12.30 alle 13.30

Sala Conferenze del Senato (Sala Caduti di Nassirya)
Palazzo Madama

Mai così poche promesse mantenute come nell’anno del G8 italiano: nonostante gli impegni e le dichiarazioni solenni dei leader mondiali, Italia in testa, con questa Finanziaria il nostro paese ignora gli impegni presi in ambito internazionale ed europeo per la Cooperazione allo Sviluppo e la lotta alla povertà nel mondo, e lo fa nell’anno del G8 di cui ha avuto la presidenza.

Il 22 settembre è stato presentato il testo della Legge Finanziaria 2010:  si prepara un’altra manovra all’insegna dell’azzeramento della Cooperazione allo Sviluppo. Sono infatti previsti solo 326 milioni di euro, in termini reali il valore più basso degli ultimi 13 anni (dal 1996).

Ci si allontana sempre di più dagli obiettivi di sviluppo del millennio. Lo strumento del 5×1000 è sparito da questa Finanziaria e non si hanno notizie neppure dei fondi del 5×1000 destinati dai contribuenti nel 2007. I fondi per i processi di integrazione e per le politiche migratorie sono praticamente azzerati.
Continua…

Conferenza internazionale “Aid effectiveness: Perspectives from the South and the North”

Giovedì, 26 febbraio 2009 dalle ore 09:00 alle 14:00
Camera dei Deputati, Sala delle Colonne, Via Poli 19 Roma

Il CINI ha riunito  a Roma un gruppo di esperti di aiuti allo sviluppo provenienti da paesi del Nord e del Sud del mondo allo scopo di contribuire al dibattito sull’efficacia degli aiuti, con una prospettiva che unisce paesi donatori e paesi partner, nella conferenza internazionale dal titolo “Aid effectiveness: Perspectives from the South and the North”.
Durante la Conferenza, nella sezione prospettive dal Sud, sono stati  presentati casi studio dal Brasile, Etiopia, Indonesia, Kenya e Libano che hanno offerto interessanti spunti di riflessione. Nella sezione prospettive dal Nord è stato  presentato il rapporto del CINI, “Planning for good: Lessons learnt on aid effectiveness from 6 EU donors”, un’analisi comparativa dei piani per l’efficacia degli aiuti di Francia, Germania, Spagna, Svezia, Gran Bretagna e Unione Europea. Scopo del rapporto è evidenziare buone pratiche che possano influenzare positivamente il piano italiano per l’efficacia degli aiuti.

Invito

Scarica il Documento

Conferenza Stampa: L’aiuto al tempo della crisi, il vero volto dei tagli

Mercoledì, 8 ottobre 2008
Sala Stampa del Senato – Palazzo Madama

Finanziaria 2009 all’insegna dei tagli e dei sacrifici. Tutte le amministrazioni subiranno, infatti, grandi limitazioni di disponibilità per il prossimo anno e così anche le risorse italiane per l’aiuto pubblico allo sviluppo saranno fortemente ridotte. Ma, fatto molto più importante, cosa significa concretamente questa drastica riduzione per le popolazione dei paesi che su questi aiuti contano?

Quali conseguenze si possono prospettare in termini di vite umane, di  salute, di istruzione, di sviluppo? Oltre al Ministero Affari Esteri, altri ministeri, come il Ministero dell’Economia e delle Finanze o il Ministero dell’Ambiente, contribuiscono ad attività di cooperazione. A quanto ammontano le loro risorse per lo sviluppo? Quali sono i livelli di Aiuto pubblico sul Pil che con la manovra la cooperazione italiana potrà toccare nel 2009? Quali alternative  per trovare le risorse? Continua…

Conferenza Stampa di presentazione dei risultati del “Controsondaggio Elettorale”

Mercoledì, 19 marzo 2008
Sala Stampa del Senato – Palazzo Madama

In vista delle elezioni politiche del 13 e 14 aprile 2008, le organizzazioni del CINI – ActionAid, AMREF, Save the Children, Terre des hommes, VIS, WWF – hanno proposto a tutti i candidati premier e ai componenti delle Commissioni Esteri di Camera e Senato, un “Controsondaggio elettorale” sul futuro della cooperazione internazionale.
Il CINI, che conta sul sostegno di oltre un milione di cittadini, ha chiesto ai candidati di dichiarare agli elettori la propria posizione su dieci punti fondamentali per il futuro della cooperazione internazionale.
Il 19 Marzo il CINI ha presentato alla Stampa le risposte ricevute e ne ha discusso con i candidati e i rappresentanti della società civile che vorranno essere presenti.

Comunicato Stampa