Legge di Stabilità: apprezzabile lo sforzo per salvaguardare la cooperazione. Si confermino gli impegni immediati per la crisi siriana e le altre emergenze umanitarie.

3 loghiRoma, 24 ottobre 2013 – La legge di stabilità 2014 arriva in Parlamento. La cooperazione internazionale non viene cancellata. Questo è emerso nell’iniziativa promossa il 22 ottobre da Concord Italia per la presentazione del rapporto AID Watch 2013, durante la quale l’Onorevole Federica Mogherini, Coordinatrice dell’Intergruppo parlamentare per la cooperazione internazionale allo sviluppo, ha riportato i dati relativi al capitolo cooperazione  internazionale, previsti nel testo ultimo che verrà portato in approvazione alla Camere: 231 milioni di euro per il 2014, con impegno su 224 milioni nel 2015 e 225 milioni nel 2016 sono le cifre proposte.
Nel 2013 furono inizialmente stanziati 228 milioni di euro e ne  furono effettivamente messi a disposizione 213: per il 2014 l’aumento sarebbe di 3 milioni di euro. AOI, Cini e Link 2007  leggono nel complesso con sollievo queste cifre, alla luce dell’impianto complessivo della legge, votato al massimo contenimento della spesa, pur sottolineando che non è avvenuto l’incremento del 10% per ogni anno fino al 2016, previsto nel Documento di Economia e Finanza necessario a far  raggiungere al nostro paese nel

Continua…

#1MilionediFirme PER LA TASSA CONTRO LA SPECULAZIONE

animazione_ttf_02L’Europa si affanna ormai da tempo per cercare una soluzione alla crisi economica causata da comportamenti irresponsabili di chi opera nel sistema    finanziario. Noi una proposta efficace ce l’abbiamo: la Tassa sulle Transazioni Finanziarie (TTF). Penalizzando le operazioni puramente speculative ad alta frequenza questa tassa contrasterebbe la speculazione sui mercati finanziari e aiuterebbe coloro che hanno maggiormente sofferto le conseguenze della crisi, senza aver minimamente contribuito a generarla. Ad un anno dall’avvio in Europa della cooperazione rafforzata per introdurre la TTF in molti Paesi dell’Eurozona (tra cui l’Italia) c’è bisogno di dare nuova voce e nuova linfa alle tante persone che il cambiamento della finanza lo vogliono e che credono alla necessità di una seria ed efficace regolamentazione del mercato finanziario.
Continua…

Tassa Europea sulle Transazioni Finanziarie: 552 sì a Strasburgo. L’Italia prenda esempio.

FTT_EuropeRoma, 3.07.2013 – Con un ampia maggioranza di 552 voti favorevoli l’aula di Strasburgo ha approvato poche ore fa la relazione di Anni Podimata sull’impianto della tassa europea sulle transazioni finanziarie (TTF). Il disegno della tassa europea così come proposto dalla Commissione Europea ha un impianto molto più solido rispetto alla misura introdotta in Italia alcuni mesi fa i cui limiti strutturali rendono inefficace la sua funzione di contrasto alla speculazione finanziaria.
Il Parlamento Europeo riunito in plenaria ha ancora una volta ribadito – dopo l’esito positivo del voto in Commissione ECON lo scorso 18 giugno – il proprio sostegno al disegno della tassa proposto dalla Commissione Europea agli 11 Paesi europei* coinvolti nei negoziati sull’introduzione di una TTF continentale sotto la procedura di cooperazione rafforzata.
La campagna ZeroZeroCinque accoglie positivamente il voto di oggi che sancisce un importante segnale politico-istituzionale alla proposta di TTF europea e un forte impegno sul percorso di riforma del settore finanziario da parte dell’organo legislativo comunitario.

Continua…

Appello delle ONG al Ministro Bonino per la liberazione di Giovanni Lo Porto

LO PortoRoma, 7 giugno 2013: “Signora Ministra, è per la sua conoscenza dei meccanismi umanitari e la sensibilità che la connotano su queste tematiche, che rivolgiamo a lei un appello speciale, sentito e diretto, perché si possa giungere presto alla liberazione di Giovanni, sapendo quanto la sua capacità e tenacia nell’affrontare situazioni internazionali complesse possano essere importanti”. Lo si legge nell’appello per la liberazione del cooperante italiano Giovanni Lo Porto, rapito in Pakistan nel gennaio 2012, inviato al ministro degli Esteri Emma Bonino dai network AGIRE (Agenzia Italiana Risposta Emergenze), AOI (Associazione Ong Italiane), CINI (Coordinamento Italiano Network Internazionali) e CONCORD Italia (Confederazione ong europee per l’aiuto e lo sviluppo, piattaforma italiana) e Link2007 – Cooperazione in Rete.
Continua…

Soddisfazione del CINI per la nomina di un Vice Ministro alla Cooperazione

Ministero-Affari-Esteri-FarnesinaRoma, 22 maggio 2013: Le ONG del CINI – Coordinamento Italiano delle ONG internazionali – esprimono la più viva soddisfazione per la nomina di un Vice Ministro per la Cooperazione Internazionale allo Sviluppo. La Portavoce Maria Egizia Petroccione dichiara: “da sempre il CINI sostiene l’importanza della presenza di una carica istituzionale di alto livello dedicata alla Cooperazione internazionale allo sviluppo, con una delega piena ed ampia”. “Con l’attribuzione della delega” – continua Petroccione – “si è fatto un importante passo avanti affinché la cooperazione diventi la componente qualificante delle relazioni internazionali dell’Italia, e sia assicurata la coerenza delle politiche rispetto agli obiettivi di cooperazione. L’Italia può e deve compiere una trasformazione culturale aprendosi alle sfide globali, dotandosi di una cooperazione internazionale allo sviluppo moderna ed efficace che sappia rispondere alle sfide presenti e future”. “Siamo fiduciosi che il Vice Ministro Lapo Pistelli sosterrà il percorso virtuoso iniziato nella precedente legislatura per un vero rilancio e una riforma organica della cooperazione” ha concluso Petroccione.
Le ONG del CINI chiedono in particolare che siano realizzati i 10 punti dell’Appello della società civile intitolato “La Cooperazione internazionale allo sviluppo tessuto connettivo della comunità globale”.

LEGGI L’APPELLO

LEGGI LE RISPOSTE DEI PARTITI ALL’ APPELLO

Allarme del CINI per i possibili tagli alla Cooperazione allo sviluppo nel decreto sui debiti della PA.

717px-Palazzo_Montecitorio_Rom_2009Roma, 14 maggio 2013: le ONG del CINI – Coordinamento Italiano delle ONG internazionali – lanciano l’allarme sui tagli alla Cooperazione previsti nel Decreto legge sul pagamento dei debiti della pubblica amministrazione in discussione oggi alla Camera. “I fondi necessari alla copertura del decreto sarebbero ancora una volta presi anche dai già ridottissimi fondi destinati alla cooperazione allo sviluppo” dichiara Maria Egizia Petroccione, Portavoce del CINI, “12 milioni di euro in meno alla Cooperazione nel 2015, un taglio superiore al 10%, e 22,5 milioni di euro in meno all’8×1000 (2014-2015) costituiscono un gravissimo danno a tutto il settore e un passo indietro inaccettabile”. ”Chiediamo con forza che il governo non tagli ancora una volta i fondi destinati alla lotta alla povertà nel mondo. Chiediamo che l’Intergruppo Parlamentare sulla Cooperazione, istituitosi alla Camera e composto da circa 90 parlamentari di tutti gli schieramenti, si opponga con determinazione a questi tagli ingiusti e inaccettabili” ha concluso Petroccione.

Lettera Aperta-Appello per la nomina di un Vice Ministro alla Cooperazione

letta-bonino_620x410In occasione della formazione del nuovo esecutivo, il CINI – Coordinamento italiano network internazionali – scrive a Enrico Letta, Presidente del Consiglio dei Ministri, e a Emma Bonino, Ministro degli Affari Esteri, per chiedere  la nomina di un Vice Ministro alla Cooperazione.

Roma, 3 maggio 2013 – In occasione dell’attribuzione delle deleghe a Viceministri e Sottosegretari, le ONG del CINI – Coordinamento Italiano delle ONG internazionali – chiedono nuovamente al Governo che sia nominato un Vice Ministro per la Cooperazione Internazionale allo Sviluppo.Le ONG del CINI si rivolgono al Presidente del Consiglio Letta e al Ministro degli Esteri Bonino, auspicando che condividano e vogliano sostenere il percorso virtuoso iniziato nella precedente legislatura per il rilancio e la riforma della cooperazione.Le ONG del CINI chiedono che ciò sia concretizzato realizzando i 10 punti dell’Appello delle ONG intitolato “La Cooperazione internazionale allo sviluppo tessuto connettivo della comunità globale” ed, in particolare, ribadiscono la richiesta della nomina di un Vice-Ministro dedicato alla Cooperazione, con una delega piena ed ampia.

Cooperazione, nasce l’intergruppo parlamentare

parlamento_italianoRoma, 24 Aprile 2013 – E’ nato oggi alla Camera dei Deputati l’intergruppo parlamentare per la cooperazione allo sviluppo: “uno strumento di lavoro comune tra deputati di diversi gruppi che vogliono impegnarsi, insieme al mondo delle ONG, per far finalmente diventare la cooperazione internazionale parte integrante della politica estera del nostro Paese” come dichiarato in un comunicato del PD. I rappresentanti del CINI, AOI e LINK2007 hanno avuto un primo confronto con l’intergruppo, che ha finora raccolto un consenso molto ampio con l’adesione di oltre 70 deputati di diversi gruppi parlamentari, per confrontarsi sui provvedimenti più urgenti: dalla riforma della legge sulla cooperazione ad un piano di riallineamento delle risorse pubbliche, per invertire la rotta rispetto ai tagli drastici degli ultimi anni e rispettare pienamente gli impegni internazionali già assunti. L’Intergruppo ha espresso apprezzamento per le indicazioni contenute in materia di cooperazione allo sviluppo nel DEF approvato oggi dal Consiglio dei Ministri, che recepisce la richiesta da anni sostenuta dalle ONG  di avere un preciso calendario temporale di riallineamento dell’APS italiano, e con un progressivo e significativo aumento delle risorse previsto per il periodo 2014-2017. Sarà fondamentale che queste scelte trovino concreta attuazione nelle decisioni che il prossimo governo dovrà compiere nei prossimi mesi. Così come sarà importante accertarsi che nel corso del 2013 siano effettivamente utilizzati tutti i fondi stanziati per l’anno in corso.

LE ORGANIZZAZIONI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO HANNO INCONTRATO I CANDIDATI ALLE ELEZIONI POLITICHE

Seminario 6 FebbraioRoma, 6 Febbraio 2013: un significativo gruppo di organizzazioni della società civile promotrici dell’Appello intitolato: “La cooperazione internazionale allo sviluppo: tessuto connettivo della comunità globale” ha incontrato oggi i candidati alle elezioni politiche che hanno risposto all’Appello. In totale hanno aderito  48 Candidati alla Camera o al Senato, provenienti da 7 diversi schieramenti politici (Partito Democratico, Sinistra Ecologia e Libertà, Scelta Civica con Monti per l’Italia, Partito Socialista Italiano, Rivoluzione Civile con Ingroia, Unione di Centro, Lista Liberali per l’Italia). Oltre alle adesioni individuali alcuni partiti nel loro insieme hanno aderito e si sono impegnati a perseguire questa vera e propria agenda politica in dieci punti per la Cooperazione: il Partito Democratico, Sinistra Ecologia e Libertà, Scelta Civica con Monti per l’Italia, il Partito Socialista Italiano. Al dibattito, condotto dalla giornalista Carmen Lasorella sono stati invitati ad intervenire due rappresentanti per ciascuno schieramento: per il PD Federica Mogherini e Paolo Beni, per SEL Giulio Marcon e Riccardo Sansone, per la Lista Monti Mario Giro e Andrea Olivero, per il PSI Riccardo Nencini e Bobo Craxi, per RCI Flavio Lotti e Alberto Borin, mentre molti altri candidati erano presenti in sala. I candidati hanno assicurato il loro forte impegno nella prossima legislatura, ciascuno con la propria sensibilità, per realizzare le dieci proposte. Numerose iniziative concrete sono state lanciate dai candidati per concretizzare subito l’impegno politico forte sui temi della cooperazione, tra questi la principale ci pare essere la creazione di un gruppo interparlamentare (Camera e Senato) dedicato alla Cooperazione. I 40 candidati che hanno aderito all’Appello potrebbero costituire la base di questo gruppo trasversale. Le organizzazioni promotrici dell’Appello renderanno conto dell’esito di questa giornata ai diversi milioni di cittadini che le sostengono e ne condividono i valori, oltre che ai media e continueranno a sensibilizzare i partiti e i candidati e vigileranno affinché gli impegni presi vengano rispettati.

LEGGI L’APPELLO

SCARICA IL POSTER

Appello della Società Civile alle Istituzioni e alla Politica

La Cooperazione Internazionale allo Sviluppo: tessuto connettivo della comunità globale.

In vista delle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio e della nuova legislatura, un significativo gruppo di organizzazioni della società civile lancia un Appello intitolato: “La cooperazione internazionale allo sviluppo: tessuto connettivo della comunità globale” (allegato) e chiede ai candidati di tutti gli schieramenti un preciso e forte impegno su dieci punti.  L’impegno per la cooperazione internazionale allo sviluppo può essere un elemento distintivo dell’identità degli schieramenti politici e come tale può contribuire a orientare la scelta degli elettori. Le organizzazioni promotrici dell’Appello, che contano diversi milioni di cittadini che le sostengono e ne condividono i valori, chiedono alle forze politiche di dichiarare la propria posizione e di prendere impegni precisi su dieci punti fondamentali per il futuro della cooperazione internazionale allo sviluppo.  In questi giorni l’Appello sarà inviato a tutti i soci, sostenitori, volontari e contatti delle organizzazioni promotrici, diffuso ai media e all’opinione pubblica e ai principali candidati alle elezioni politiche. Questi ultimi saranno invitati a rispondere all’Appello e a presentare e dibattere le loro posizioni in un evento pubblico nelle settimane precedenti le elezioni.

Per informazioni e adesioni:
Maria Egizia Petroccione email egizia.petroccione@cininet.org cell. 334.339.41.97
Barbara Di Berardino email barbara.diberardino@cininet.org cell. 348.7240.285