Vittime della nostra ignavia

Comunicato congiunto Reti ONG  AOI, CINI, LINK2007.

La tragedia dei migranti morti nel Mar Mediterraneo il 22 aprile 2021, era evitabile
Ancora una volta ci troviamo commossi ad esprimere orrore e sdegno per questa ennesima evitabile tragedia. E scandalizzati per il rimpallo di responsabilità. È questa l’Europa dei diritti umani?
Gli almeno cento morti, lasciati morire in mare privi di soccorso, vittime innocenti della incapacità della politica di affrontare un fenomeno epocale, ricordano drammaticamente al nostro paese, all’Europa e ai paesi membri, che è urgente un cambio di rotta, una svolta concreta nelle politiche migratorie.
Continua…

Audizione CINI presso la commissione Affari Esteri e Comunitari della Camera dei Deputati

L’intevento del CINI alla Commissione Esteri della Camera dei Deputati durante l’audizione sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR)
Gentili Onorevoli,
Desideriamo ringraziarvi per la preziosa opportunità di essere audite in merito al Piano nazionale di ripresa e resilienza italiano, un’occasione unica di rilancio per l’Italia.
Siamo qui a rappresentare il CINI, Coordinamento italiano ONG internazionali, che raggruppa 7 fra le più grandi ONG italiane appartenenti a network internazionali: nello specifico ActionAid, CBM, Plan International, Save the Children, VIS, SOS Villaggi dei Bambini e WWF.
Siamo attivi a vario titolo in Italia e nel mondo, grazie ad oltre un milione di sostenitori privati e a centinaia di progetti in oltre 100 Paesi e 5 continenti. Dallo scoppio della pandemia siamo stati sul campo con i nostri interventi di emergenza, salute, educazione, protezione sociale e altro ancora, al fianco delle persone più emarginate ed è proprio questa esperienza diretta, qui e nel mondo, ad orientare il nostro intervento di oggi.

Continua…

Profondo cordoglio per la morte dell’Ambasciatore Luca Attanasio, del carabiniere Vittorio Iacovacci e del loro autista Mustapha Milambo

Le ONG del CINI esprimono il loro profondo cordoglio per la morte dell’Ambasciatore d’Italia nella Repubblica Democratica del Congo Luca Attanasio, del carabiniere della scorta Vittorio Iacovacci e dell’autista che li accompagnava, Mustapha Milambo. Ancora una volta la distrazione dei Paesi donatori in merito alla guerra civile strisciante, che attanaglia la regione dei Grandi laghi da oltre un ventennio, ha fatto ulteriori vittime anche tra il personale della Missione ONU. Le risorse minerarie del Congo resteranno la sua più grande problematica sinché non si prenderanno misure concrete per regolare l’estrazione e mettere le multinazionali, più o meno coinvolte, nell’obbligo di rispettare i diritti umani. Siamo e resteremo vicini alle popolazioni civili, ma chiediamo fermamente che la politica internazionale intervenga a sanare una tragedia che destabilizza tutto il continente Africano.