Il CINI promuove il Webinar: Cooperazione internazionale a sostegno delle migrazioni regolari

 

SAVE THE DATE
7 luglio 2020, ore 16.30-18.00

Webinar 

 Per partecipare è necessario registrarsi a questo link: 

https://register.gotowebinar.com/register/3815071560217904654

Può la cooperazione internazionale italiana sostenere migrazioni sicure e regolari nella prospettiva di creare attraverso di esse sviluppo nei paesi partner e in Italia? Può essa farsi portatrice di una visione radicalmente diversa del tema migratorio, contribuendo a governare le sfide che esso pone, accantonando la prospettiva securitaria e mirando a costruire nuovi modelli di mobilità regolare?

Per aprire questa discussione il CINI, Coordinamento Italiano NGO Internazionali, invita alcuni rilevanti soggetti istituzionali ad un dibattito pubblico. L’occasione permetterà di presentare e discutere il policy brief “Una prospettiva diversa sul nesso migrazione & sviluppo: Il ruolo della cooperazione internazionale nel sostenere e ampliare vie di ingresso regolari e sicure verso l’Italia”.

Parteciperanno:

  • Gianni Bardini, Coordinatore per le politiche inerenti agli stranieri in Italia, Direzione Generale Italiani all’Estero e Politiche migratorie, Ministero Affari Esteri e Cooperazione Internazionale;
  • Tatiana Esposito, Direttrice, Direzione Generale dell’immigrazione e integrazione, Ministero del Lavoro e delle politiche sociali;
  • Luca Maestripieri, Direttore, Agenzia Italiana Cooperazione allo Sviluppo;
  • Mauro Marsili, Vice Direttore, Direzione Generale Cooperazione allo sviluppo, Ministero Affari Esteri e Cooperazione Internazionale.

La discussione sarà facilitata dal Prof. Marco Accorinti, Università degli Studi Roma Tre

Leggi il documento di background

Il Parlamento discuta e approvi con urgenza un testo che condanni l’annessione della Cisgiordania da parte di Israele

Appello della società civile italiana al Parlamento Italiano

Roma, 24 giugno 2020 – Quando a fine maggio 70 parlamentari – tra cui tutti i Capigruppo in Commissione Esteri e parlamentari di spicco delle forze componenti la maggioranza di governo –  hanno scritto al Presidente Conte invitandolo a prendere una posizione di condanna sulla prospettata annessione di territori della Cisgiordania da parte di Israele, ci saremmo aspettati da lì a poco la presentazione di un testo da sottoporre alla votazione del Parlamento.

Continua…

Cooperazione internazionale, l’Ocse dà i voti all’Italia. E non sono buoni

La pandemia di Covid-19 ha messo in risalto la rinnovata centralità delle azioni di cooperazione e solidarietà internazionali, che ha portato, di conseguenza, sia a livello politico sia organizzativo, ad un dibattito in merito al funzionamento dell’attuale sistema della cooperazione italiana, rinnovato nel 2014 con l’approvazione della Legge 125. E proprio su questo l’OCSE DAC conduce ogni cinque anni una Peer Review in merito all’efficienza, efficacia e coerenza delle politiche di cooperazione internazionale allo sviluppo dei suoi membri. Dopo la pubblicazione del Rapporto DAC a novembre scorso, qualche settimana fa è stata finalmente pubblicata anche la sua traduzione italiana: si tratta della prima Revisione dopo la riforma della cooperazione del 2014. Le ONG hanno partecipato al processo inviando al DAC un corposo documento di osservazioni nel novembre 2018, e incontrando la delegazione DAC nel marzo 2019. Data l’autorevolezza dell’Organizzazione e dei partecipanti alla revisione, è interessante riportarne, seppur schematicamente, le conclusioni, che possono fattivamente contribuire al processo di messa a punto di alcuni aspetti dell’attuale sistema della cooperazione italiana.

Continua…