La riforma della legge sulla Cooperazione internazionale allo sviluppo. A confronto con la cooperazione europea e le priorità 2104-2020

Roma, 22 luglio 2014 – Promuovere un approfondimento a livello europeo del disegno di legge (Ddl) di riforma sulla cooperazione internazionale allo sviluppo dell’Italia, in fase di approvazione definitiva al Senato, per coinvolgere attivamente i diversi attori del mondo della cooperazione. Con questo obiettivo il 22 luglio la Camera dei Deputati ha ospitato il seminario ”La riforma della legge sulla Cooperazione internazionale allo sviluppo. A confronto con la cooperazione europea e le priorità 2014-2020”, promosso dalle Reti di Ong di cooperazione internazionale AOI, CINI e LINK 2007, in collaborazione con l’Intergruppo Cooperazione allo sviluppo della Camera dei Deputati.

All’incontro hanno partecipato il responsabile della Direzione Crescita sostenibile e sviluppo di EuropeAid (Commissione europea), Roberto Ridolfi, la parlamentare Lia Quartapelle Procopio, relatrice del Ddl sulla riforma della cooperazione allo sviluppo alla Camera, Nino Sergi, in rappresentanza delle Reti di Ong, il Direttore generale della Cooperazione italiana allo sviluppo, Giampaolo Cantini e i capigruppo della commissione Esteri della Camera dei deputati, oltre ai rappresentanti di regioni, autonomie locali, università, Ong, Forum Terzo Settore, cooperative, entità profit e istituzioni legate al mondo della cooperazione.

Ascolta l’audio integrale del Seminario:

PRESENTAZIONE RAPPORTO OCSE-DAC SULL’AIUTO ALLO SVILUPPO ITALIANO

ocseSecondo un nuovo rapporto dell’OCSE, l’Italia ha aumentato i contributi e innalzato il livello dei futuri obiettivi di aiuto allo sviluppo, facendo registrare un’inversione della tendenza al ribasso negli stanziamenti a favore della cooperazione allo sviluppo. Il Paese deve ora adottare misure che consentano di attuare le raccomandazioni volte a migliorare la propria gestione dei programmi di aiuti.
Sono questi i risultati della “Peer Review” condotta dal Comitato di Aiuto allo Sviluppo dell’OCSE (Development Assistance Committee – DAC) che in Italia verranno presentati a ROMA IL 5 MAGGIO alle ore 15.00 presso l’aula dei Gruppi Parlamentari alla Camera dei Deputati in Via Campo Marzio, 74.

Saranno presenti all’incontro:
Marina Sereni, vicepresidente della Camera dei Deputati;
Lapo Pistelli, viceministro agli Affari Esteri;
Erik Solheim, presidente dell’OCSE-DAC.

Per parteciapre alla presentazione del rapporto è possibile inviare una conferma di presenza all’indirizzo mail dgcs8@esteri.it

Per approfondimenti: http://www.oecd.org/dac/peer-reviews/italy.htm

Verso Un’Europa Solidale: Incontro con i Candidati e le Candidate alle Prossime Elezioni Europee

Schermata-2014-04-16-alle-11.50.37Nell’ambito del progetto legato al Semestre di Presidenza italiana “More and Better Europe”, nel quadro della campagna internazionale “Europe We Want”, si terrà lunedì 5 maggio a Roma, presso la Sala Cristallo dell’Hotel Nazionale in Piazza di Montecitorio, 131 a Roma, un incontro con i candidati e le candidate alle prossime elezioni europee e con organizzazioni della società civile sui temi che riguardano la costruzione di una Europa solidale basata su equità, inclusione, integrazione, cooperazione e pari opportunità per tutti.

L’incontro è promosso da CONCORD Italia, di cui fanno parte alcune ONG del CINI, e Forum del Terzo Settore, che propongono anche un appello sul quale invitano i candidati ad esprimersi e a discutere. Il documento è accompagnato da una lettera rivolta ai candidati che li invita a sottoscrivere l’appello e a partecipare all’incontro del 5 maggio.
La crisi che l’Europa sta attraversando oltre a essere economica e finanziaria, è anche politica, sociale e culturale. È necessario invertire la rotta e porre l’equità e la redistribuzione delle risorse al centro della politica; promuovere misure finalizzate a modificare le regole fiscali tra i paesi nella direzione di una maggiore solidarietà tra essi; promuovere regole commerciali premianti rispetto alla sostenibilità ambientale e sociale; attuare una riforma del sistema finanziario nell’interesse del bene comune.
Continua…

1 MILIONE DI FIRME per una tassa contro la speculazione finanziaria

Continua la raccolta firme su www.robinhoodpetition.org per la TTF europea!

A poche settimane dall’adozione di una Tassa sulle Transazioni Finanziarie in Europa, è più che mai importante farci sentire! Unisciti al milione di firme per la Robin Hood Tax, firma la petizione e passaparola: una mini tassa sulla finanza può fare la differenza per le persone più povere e per il pianeta.

Video: Una nuova legge per una nuova stagione della Cooperazione italiana

Si è tenuto il 28 gennaio scorso a Roma un seminario  per discutere il progetto di riforma della legge 49/87. L’evento ha visto la partecipazione di numerose organizzazioni della società civile impegnate nella lotta alla povertà globale e diversi parlamentari sul tema della riforma della legge sulla cooperazione allo sviluppo. Guarda il video (di 1 ora e 34 minuti) dell’incontro promosso da ActionAid, Oxfam, Osservatorio Aids insieme a CINI, AOI, LINK2007 e con  l’Intergruppo Parlamentare per la Cooperazione allo Sviluppo.

Una nuova legge per una nuova stagione della Cooperazione italiana: parlamentari e società civile a confronto

cooperazioneA Roma un seminario promosso dalle ONG per discutere il progetto di riforma della legge 49/87
Roma, 27.01.2014 –  Si terrà domani mattina a Roma, presso l’Hotel Nazionale dalle ore 10.30, un seminario di lavoro tra organizzazioni della società civile impegnate nella lotta alla povertà globale e parlamentari sul tema della riforma della legge sulla cooperazione allo sviluppo. Il progetto di riforma, volto a modificare la legge 49 approvata nel 1987, è uno dei punti menzionati dal Primo Ministro Enrico Letta nel discorso di fiducia alle Camere del dicembre scorso ed è un tema su cui tutti i partiti si sono impegnati in fase elettorale. La proposta, portata in Consiglio dei Ministri la scorsa settimana, è volta dunque ad aggiornare la legislazione su un ambito della politica di relazioni estere che è molto cambiato negli ultimi venticinque anni: diritti e responsabilità hanno oggi una dimensione globale, oltre i confini nazionali e per l’Italia – paese fondatore dell’Unione Europea e ponte naturale all’interno del Mediterraneo – è fondamentale essere in grado di rispondere a questa sfida, adeguando strumenti e politiche.  Il seminario è promosso da Oxfam Italia e Action Aid in cooperazione con le principali rappresentanze e  reti  delle ONG Italiane, AOI, CINI, Link 2007, e con l’Intergruppo Parlamentare per la Cooperazione allo Sviluppo – uno schieramento bipartisan di deputati e senatori impegnati su questi temi.

Continua…

La Cooperazione internazionale allo Sviluppo ad un anno dal Forum di Milano

CONFERENZA

6 NOVEMBRE 2013

 ORE 10.00/13.00
 Sala Conferenze di Piazza Monte Citorio n. 123/a, Roma

- Ad un anno dal Forum di Milano -
 La Cooperazione Internazionale allo Sviluppo è diventata un
“imperativo etico di solidarietà e un critico investimento strategico per l’ Italia”?

E’ passato circa un anno dal Forum sulla Cooperazione Internazionale, voluto dall’allora Ministro Riccardi, tenutosi nell’ottobre 2012 a Milano. Il Presidente Napolitano definiva la cooperazione internazionale allo sviluppo “Un imperativo etico di solidarietà e un critico investimento strategico per l’Italia”. Che ne è stato delle promesse, degli impegni presi e delle dichiarazioni fatte dal Capo dello Stato, dai maggiori esponenti di Governo, del parlamento e dalle forze politiche ? Che ne è stato dei gruppi di lavoro e del Libro bianco della Cooperazione?

Riforma della legge 49/87, risorse nella legge di stabilità, coerenza delle politiche, efficacia degli aiuti, disuguaglianza e agenda post 2015, sono alcuni dei temi di cui discuteremo con il Viceministro per la Cooperazione Internazionale Lapo Pistelli, il Governo, il Parlamento e i rappresentanti delle principali forze politiche e della società civile.

 Ulteriori dettagli sul programma saranno comunicati a breve.

Agenda politica in 10 punti per la Cooperazione

10 Punti per la CooperazioneNei mesi di gennaio e febbraio 2013, il CINI insieme ad un significativo gruppo di organizzazioni della società civile, ha promosso un Appello rivolto alle istituzioni e alla politica e intitolato “La Cooperazione internazionale allo Sviluppo: tessuto connettivo della comunità globale”. In totale hanno aderito al nostro Appello quasi 50 Candidati tra Camera e Senato, provenienti da 7 diversi schieramenti politici tra cui il Partito Democratico, Sinistra Ecologia e Libertà, Scelta Civica con Monti per l’Italia e Unione di Centro. Oltre alle adesioni individuali alcuni partiti nel loro insieme hanno aderito e si sono impegnati a perseguire questa vera e propria agenda politica in dieci punti per la Cooperazione: il Partito Democratico, Sinistra Ecologia e Libertà, Scelta Civica con Monti per L’Italia. I Candidati, ora divenuti Senatori e Deputati, hanno assicurato il loro forte impegno, ciascuno con la propria sensibilità, per realizzare le dieci proposte. Tra le numerose idee emerse dal dibattito la principale ci pare essere la creazione di un Gruppo interparlamentare (Camera e Senato) dedicato alla Cooperazione allo Sviluppo. I parlamentari che hanno aderito all’Appello potrebbero costituire la base di questo gruppo trasversale.

LEGGI L’APPELLO

SCARICA LE RISPOSTE DEI PARTITI ALL’ APPELLO PER LA COOPERAZIONE

LE ORGANIZZAZIONI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO HANNO INCONTRATO I CANDIDATI ALLE ELEZIONI POLITICHE

Seminario 6 FebbraioRoma, 6 Febbraio 2013: un significativo gruppo di organizzazioni della società civile promotrici dell’Appello intitolato: “La cooperazione internazionale allo sviluppo: tessuto connettivo della comunità globale” ha incontrato oggi i candidati alle elezioni politiche che hanno risposto all’Appello. In totale hanno aderito  48 Candidati alla Camera o al Senato, provenienti da 7 diversi schieramenti politici (Partito Democratico, Sinistra Ecologia e Libertà, Scelta Civica con Monti per l’Italia, Partito Socialista Italiano, Rivoluzione Civile con Ingroia, Unione di Centro, Lista Liberali per l’Italia). Oltre alle adesioni individuali alcuni partiti nel loro insieme hanno aderito e si sono impegnati a perseguire questa vera e propria agenda politica in dieci punti per la Cooperazione: il Partito Democratico, Sinistra Ecologia e Libertà, Scelta Civica con Monti per l’Italia, il Partito Socialista Italiano. Al dibattito, condotto dalla giornalista Carmen Lasorella sono stati invitati ad intervenire due rappresentanti per ciascuno schieramento: per il PD Federica Mogherini e Paolo Beni, per SEL Giulio Marcon e Riccardo Sansone, per la Lista Monti Mario Giro e Andrea Olivero, per il PSI Riccardo Nencini e Bobo Craxi, per RCI Flavio Lotti e Alberto Borin, mentre molti altri candidati erano presenti in sala. I candidati hanno assicurato il loro forte impegno nella prossima legislatura, ciascuno con la propria sensibilità, per realizzare le dieci proposte. Numerose iniziative concrete sono state lanciate dai candidati per concretizzare subito l’impegno politico forte sui temi della cooperazione, tra questi la principale ci pare essere la creazione di un gruppo interparlamentare (Camera e Senato) dedicato alla Cooperazione. I 40 candidati che hanno aderito all’Appello potrebbero costituire la base di questo gruppo trasversale. Le organizzazioni promotrici dell’Appello renderanno conto dell’esito di questa giornata ai diversi milioni di cittadini che le sostengono e ne condividono i valori, oltre che ai media e continueranno a sensibilizzare i partiti e i candidati e vigileranno affinché gli impegni presi vengano rispettati.

LEGGI L’APPELLO

SCARICA IL POSTER

LE ADESIONI ALL’APPELLO DELLE ORGANIZZAZIONI DELLA SOCIETÀ CIVILE ALLE ISTITUZIONI E ALLA POLITICA

PARTITO DEMOCRATICO

Adesione del PD e introduzione dei 10 punti nel Programma

Lapo Pistelli, Candidato alla Camera per il PD

Laura Puppato, Candidata al Senato per il PD

Giorgio Tonini, Candidato al Senato per il PD

Federica Mogherini, Candidata alla Camera per il PD

Tommaso Ginoble, Candidato alla Camera per il PD
Continua…