Stop alla deliberata uccisione di civili nella Striscia di Gaza

Roma 16 maggio, Il CINI – Coordinamento italiano delle ONG internazionali si unisce all’Appello della Piattaforma delle ONG Italiane in Mediterraneo e Medio Oriente contro le uccisioni avvenute lo scorso 14 maggio a Gaza.

Appello urgente al Primo Ministro Gentiloni e al Ministro degli Esteri Alfano: la deliberata uccisione di civili avvenuta il 14 maggio 2018 nella Striscia di Gaza non può restare impunita.

Amnesty International l’ha definita “un’aberrante violazione del diritto internazionale e dei diritti umani”. La conta di morti e feriti, impossibile da aggiornare in tempo reale, parla già di 55 vittime, tra cui 5 bambini e 1 bambina, e oltre 2700 feriti, molti dei quali dovranno convivere con disabilità croniche vista l’impossibilità di ricevere adeguata assistenza medica a causa del collasso del sistema sanitario della Striscia di Gaza, soffocata dall’assedio che Israele ha imposto da oltre 10 anni. Non c’è acqua potabile, mancano sangue, medicine ed elettricità. La furia dei droni e dei proiettili israeliani ha colpito deliberatamente anche i giornalisti (inclusa la troupe di Al Jazeera), ferendone almeno 11.

Continua…

Le negoziazioni del Global Compact on Safe, Orderly and Regular Migration (GCM): la prospettiva del CINI

Il presente documento, fatto pervenire ai negoziatori del Governo italiano, si propone di fornire la prospettiva del CINI, in quanto insieme di soggetti impegnati nella cooperazione internazionale, rispetto allo stato attuale delle negoziazioni in corso sul Global Compact on Safe, Orderly and Regular Migration (GCM). Il CINI, complessivamente, ha apprezzato le bozze iniziali del GCM, che appaiono ancorate al framework dei diritti umani e opportunamente collegate agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. In particolare, nel corso delle negoziazioni abbiamo notato con favore gli accenti europei sulla centralità dell’approccio basato sui diritti umani, con il riferimento esplicito ai diritti dei migranti a prescindere dal loro status; sull’attenzione ad alcune vulnerabilità, tra cui quelle di minori, persone con disabilità e donne vittime di violenza; e sulla centralità della prospettiva di genere e del superiore interesse del minore.

Scarica il documento

Partenariato o condizionalità dell’aiuto? Nuovo rapporto sul Fondo Fiduciario dell’Unione Europea di Emergenza per l’Africa

A seguito delle tragedie che si susseguono in mare e nei centri di detenzione in Libia, il Coordinamento delle ONG Internazionali – CINI e CONCORD Italia, in collaborazione con AMREF e FOCSIV, presentano un nuovo rapporto di monitoraggio sul Fondo Fiduciario dell’Unione Europea di Emergenza per l’Africa (EUTF) dal titolo “Partenariato o condizionalità dell’aiuto?”.

Lanciato nel novembre 2015 al vertice deLa Valletta, l’EUTF è il principale strumento finanziariodi 3,2 miliardi di euro per il coinvolgimento politico dei partner africani nel campo delle migrazioni. L’Italia è il principale contributore.  È finanziato attraverso i fondi dell’aiuto pubblico allo sviluppo (APS), infatti, il 90% del totale proviene dal Fondo Europeo allo Sviluppo (FES), uno strumento creato per affrontare le sfide strutturali dello sviluppo: la povertà, la fame, le disuguaglianze, il degrado ambientale. Trattandosi di fondi della cooperazione, il loro utilizzo dovrebbe essere guidato da principi di efficacia. Invece, le interviste condotte durante la ricerca hanno evidenziato una chiara tendenza in alcuni Paesi all’uso dei fondi EUTF nella gestione delle frontiere e al rafforzamento della cooperazione per facilitare i rimpatri di migranti irregolari.

Continua…

MIGRAZIONI, L’EUROPA DEVE FARE DI PIÙ. URGENTE UNA NUOVA AGENDA EUROPEA E ITALIANA SULLA POLITICA MIGRATORIA

Consiglio Ue, 22-23 giugno

MIGRAZIONI, L’EUROPA DEVE FARE DI PIÙ. Urgente una nuova Agenda europea e italiana sulla politica migratoria. Dei 65,6 milioni di rifugiati e sfollati del mondo, l’Europa ne accoglie solo 3,5 milioni e rifugiati, lo 0,68% della popolazione europea.  Appello congiunto di 9 reti di organizzazioni della società civile

Roma, 21/6/2017_Una lettera aperta inviata ieri al Governo, al Parlamento e agli Europarlamentari italiani per chiedere un cambio di rotta nella gestione europea e italiana della crisi migratoria.

Alla vigilia del Consiglio Ue del 22 e 23 giugno, le reti delle organizzazioni della società civile italiana – al lavoro ogni giorno al fianco delle decine di migliaia di migranti arrivati nel nostro paese – lanciano un appello congiunto alle istituzioni italiane ed europee indicando in una ROAD MAP, le misure indispensabili e urgenti per un cambio di rotta nella gestione dei flussi migratori in Italia e una nuova e più efficace Agenda Europea.

Continua…

LIBERI DI RESTARE, LIBERI DI PARTIRE: Cooperazione Internazionale allo Sviluppo e Mobilità Umana

” E’ necessario garantire la protezione e promozione della libertà e del diritto di ogni persona, indipendentemente dalla sua nazionalità e status giuridico, a godere di una vita dignitosa in ogni parte del mondo, di potere costruire e realizzare la propria esistenza nel proprio paese oppure di sviluppare in sicurezza e con prospettive di successo un proprio progetto migratorio. In nessun caso si può derogare a questi diritti, e all’eguaglianza di tutti di fronte alla legge, producendo legislazioni che introducano sperequazioni. Il CINI esprime forte preoccupazione per il Decreto legge Minniti-Orlando che costruisce una serie di procedure decisamente contrarie al fondamento giuridico irrinunciabile per ogni Diritto che sia erga omnes, e dunque democratico, cioè il principio costituzionale: la legge è uguale per tutti” lo ha dichiarato Antonio Raimondi, Portavoce del CINI, in occasione della Conferenza Migrazioni e Sviluppo organizzata ieri presso la Farnesina dalla Cooperazione Italiana per approfondire le ragioni del fenomeno migratorio e riflettere su azioni in corso e soluzioni sostenibili.

Continua…

Relazione tra Migrazione e Cooperazione internazionale allo sviluppo, le raccomandazioni del CINI

TED_2417Migrazione come potenziale motore di sviluppo
Le migrazioni internazionali sono da sempre un fatto normale e strutturale della convivenza umana. Nel 2015 i migranti internazionali sono rimasti stabili in termini percentuali (3%) rispetto alla popolazione mondiale, pur avendo raggiunto il numero più alto mai registrato in termini assoluti (244 milioni). La migrazione Sud-Sud è in continua crescita rispetto a quella Sud–Nord. La stragrande maggioranza dei rifugiati è ospitata da paesi del Sud, in particolare da quelli geograficamente vicini ai paesi di origine.
Le migrazioni prendono la forma di mobilità regolare e irregolare, rispondendo a scelte personali o professionali, a eventi improvvisi come guerre, terremoti, disastri ambientali, o a problemi cronici come i cambiamenti climatici, le diseguaglianze o la mancanza di opportunità economiche. La distinzione tra queste situazioni è spesso incerta, le persone possono migrare per molteplici ragioni insieme e passano nel tempo da uno status ad un altro.

Scarica il documento Migrazione e Sviluppo

Osservazioni delle Reti di ONG AOI, CINI, LINK2007 al documento triennale di programmazione e di indirizzo 2016/18 – Legge 125/2014

Aprile 2016 – La presente nota, redatta da AOI, CINI e Link 2007, ha lo scopo di concorrere alla definizione del Documento Triennale 2016/2018, che rappresenta un passaggio chiave nello sviluppo della rinnovata cooperazione italiana. Gli aspetti di contenuto sono centrali visto che si tratta di definire obiettivi e modalità che devono ispirare l’azione di un complesso di attori pubblici e privati che si è arricchito di nuove competenze a seguito dell’approvazione della Legge 125. D’altro canto non sono meno importanti gli aspetti di processo alla luce del fatto che la partecipazione nella pianificazione dovrebbe essere un aspetto distintivo della nuova cooperazione. In questo senso, con piacere mettiamo in evidenza il progresso rispetto al percorso di approvazione del Documento nel 2015. La fase di discussione che si aperta lo scorso 22 febbraio è un segnale incoraggiante che le nostre Reti non vogliono sottovalutare. Dopo aver presentato le proprie osservazioni allo Schema di pianificazione1, con la presente nota congiunta mettiamo in evidenza gli aspetti chiave per il prosieguo della consultazione in relazione a obiettivi, temi, paesi, risorse e modalità.

Leggi la Nota

Commenti del CINI allo Schema di Documento triennale di programmazione e di indirizzo 2016/18 – Legge 125/2014

Marzo 2016

Gli obiettivi
1) Al primo punto della Slide 8 manca il riferimento alle CSO (italiane e internazionali):

Se tra gli obiettivi ci sono il trasferimento di cultura, innovazione e tecnologia produttiva e l’acquisizione di dati e statistiche affidabili le NGO che lavorano sul campo sia quelle impegnate in Italia in attività di ricerca, analisi e advocacy possono fornire informazioni, expertise e supporto tecnico in diverse aree rilevanti ai fini dello sviluppo. Si consiglia pertanto di inserire le CSO anche in questo punto e non solo citare le CSO nell’ultimo punto della slide 8.
3) Al terzo punto della Slide 8: Sarebbe interessante capire qual è il piano strategico che deve portare a tale obiettivo: aumentare l’impegno economico, selezionando, rivedendo e ottimizzando gli impegni obbligatori dell’Italia nei confronti delle Agenzie ONU? Aumentare l’aiuto multi – bilalterale verso le Agenzie che si occupano e implementano progetti sul campo in questi settori?

Leggi il Documento

Schema documento triennale 2016/18

La gestione dei rischi e la sicurezza degli operatori delle organizzazioni di cooperazione e solidarietà internazionale

OLYMPUS DIGITAL CAMERARoma, 19 Settembre 2015 – Le tre Reti delle Ong – AOI, CINI, LINK 2007 – hanno proposto in occasione della Conferenza ‘La Sicurezza è una cosa seria’  alcuni Principi per una collaborazione in materia di sicurezza tra le Ong / Organizzazioni della società civile e le Istituzioni del Maeci. A tali principi potranno aderire le singole Ong e le altre Organizzazioni della società civile impegnate in interventi solidaristici e di cooperazione all’estero con assenso formale tramite il sito www.dovesiamonelmondo.it – sezione per le Ong/Osc di cooperazione internazionale. Alla Conferenza è stato inoltre presentato un dossier frutto del lavoro congiunto tra Ong e Unità di Crisi: ‘Suggerimenti per la gestione dei rischi e la sicurezza degli operatori delle organizzazioni di cooperazione e solidarietà internazionale’. Esso condensa, in alcuni brevi capitoli, informazioni utili a fornire una visione d’insieme delle problematiche relative alla sicurezza in contesti potenzialmente pericolosi e suggerisce comportamenti e regole da adottare. Un insieme di suggerimenti a cui potersi ispirare: spetta infatti ad ogni organizzazione definire – a seconda della propria specificità, dei paesi di intervento e della soggettiva percezione e valutazione del rischio – il proprio piano per la sua gestione e le proprie procedure di allerta.

Consulta i documenti:

Principi per una collaborazione in materia di sicurezza tra le ONG/Organizzazioni della società civile e le Istituzioni del MAECI

Suggerimenti per la gestione dei rischi e la sicurezza degli operatori delle organizzazioni di cooperazione e solidarietà internazionale

Osservazioni del CINI sul Documento di programmazione triennale 2015-­‐2017 La nuova cooperazione italiana.

Documento presentato al Consiglio Nazionale per la Cooperazione – MAECI 6 Luglio 2015

Alcune note positive, alcune negative e qualche questione irrisolta

Sicuramente il fatto, molto positivo, che la prima edizione del Documento triennale di programmazione sia stata discussa e approvata dal CICS e firmata dal Presidente del Consiglio segna la maturazione della cooperazione come politica di governo ed è la manifestazione concreta del fatto che il Documento sia espressioni di tutto il Consiglio dei Ministri. Tuttavia nella prefazione si individua una visione che, a nostro modo di vedere, dovrà essere attentamente monitorata nel futuro, ovvero si concepisce la cooperazione solo come “uno strumento di politica estera moderno ed efficace” ed un “investimento strategico”; sparisce ogni riferimento all’altra componente fondamentale che, in un recente passato, era stata anche autorevolmente affermata: “la cooperazione come imperativo morale”.

Leggi il documento:

Osservazioni CINI al documento di programmazione triennale 2015-2017-1