Secondo Meeting di Alto Livello (HLM) della Global Partnership for Effective Development Cooperation

HLMEfficaciaIl 30 novembre e il 1 dicembre si terrà a Nairobi il Secondo Meeting di Alto Livello (HLM) della Global Partnership for Effective Development Cooperation (GPEDC), con la partecipazione di circa 90 delegazioni governative e 400 rappresentanti della società civile,e inoltre parlamentari, autorità locali e rappresentanti del mondo delle imprese. Le principali questioni da affrontare riguardano la riconferma degli impegni sulla efficacia (ownership democratica, trasparenza e responsabilità, partenariato inclusivo) e il ruolo della GPEDC rispetto all’Agenda 2030, anche come strumento di monitoraggio, in particolare per il target 17.16.La delegazione dell’Italia è composta da rappresentanti del MAECI, dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, e da una rappresentante della società civile (Gemma Arpaia, focal point per AOI, CINI e Link2007)

Cooperazione allo Sviluppo: così non va ma c’è ancora tempo per cambiare

Gian Mattia D'Alberto / LaPresse16-10-2014 MilanocronacaSummit Europa - Asia ASEMnella foto: Matteo renziGian Mattia D'Alberto/LaPresse16-10-2014 MilanEurope-Asia summitin the picture: Matteo renzi

 Roma, 8 novembre 2016 – I segnali che arrivano dalla legge di stabilità deludono tutti coloro che avevano accolto con entusiasmo le dichiarazioni da parte del governo in favore di un forte rilancio della nostra cooperazione allo sviluppo. L’annunciato aumento dei fondi sembra quasi annullarsi e le aspettative create con i paesi partner rischiano di essere cancellate.
Le ONG italiane fanno appello al governo e al parlamento affinché si corregga radicalmente la situazione e si restituisca coerenza e credibilità al sistema di cooperazione internazionale del nostro passe.
È poi urgente la piena applicazione della legge 125 del 2014.
Due, tra gli altri, i nodi da sciogliere in fretta: consentire all’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo di procedere velocemente all’assunzione degli esperti tramite un concorso e approvare secondo le modalità previste dalla legge il documento di programmazione triennale, senza il quale la nostra cooperazione allo sviluppo è priva di un chiaro riferimento strategico.

La FAO rafforza la cooperazione con i Network di ONG italiane

20161103_143541Roma, 3 Novembre 2016 – La FAO e i tre network di ONG italiane – AOI, CINI, Link 2007 – hanno siglato oggi un accordo che getta le basi per una più stretta collaborazione in aree di mutuo interesse come lo sviluppo rurale e la lotta alla fame e alla malnutrizione.
L’accordo (exchange of letters), ufficializzato alla presenza del Direttore Generale Aggiunto della FAO Daniel Gustafson e dei rappresentanti dei tre network – Silvia Stilli per AOI, Antonio Raimondi per CINI e il Presidente di Link 2007. Paolo Dieci – rappresenta una tappa importante nelle relazioni tra FAO e Italia, e riafferma l’attenzione che l’Organizzazione pone alla collaborazione con la Società Civile dei paesi membri.
Esso punta a facilitare e a rafforzare il dialogo tra le parti e promuove l’identificazione di nuove opportunità di collaborazione sul campo in materia di politiche di resilienza (la capacità di fare fronte ai cambiamenti climatici), sicurezza alimentare e pace, politiche giovanili e per la coesione sociale.
“La FAO lavora a stretto contatto con singole ONG in diversi paesi, attraverso i suoi uffici nazionali” ha affermato il Direttore Generale Aggiunto della FAO Daniel Gustafson. “AOI, CINI e Link 2007 sono però network che raggruppano oltre 250 organizzazioni” ha sottolineato Gustafson. “Esse forniscono un contributo importante alla lotta all’insicurezza alimentare grazie alla loro lunga esperienza sul campo e alla loro capacità di raggiungere i più poveri in quasi ogni regione del mondo” ha continuato. “L’esperienza dimostra che le opportunità di successo aumentano notevolmente quando si collabora con partner che, seppur con ruoli diversi, condividono obiettivi comuni” ha concluso.
I rappresentanti dei tre network sottolineano l’importanza di questo accordo raggiunto per la prima volta a livello di rappresentanze con un’Agenzia ONU: “si è aperta la strada dell’individuazione di metodologie e approcci condivisi per una collaborazione fattiva tra FAO e ONG italiane all’interno delle priorità dell’Agenda 2030. AOI, CINI e Link 2007 ringraziano la Rappresentanza Italiana presso le Agenzie ONU che ne é stata la promotrice”.
Intervenendo alla cerimonia, Pierfrancesco Sacco, Ambasciatore d’Italia presso la FAO, ha affermato: “Con questa intesa, le ONG italiane avranno finalmente un rapporto organico con la FAO. Questo è nello spirito non solo della riforma della cooperazione italiana, ma anche e soprattutto della nuova agenda globale di sviluppo sostenibile”.

L’accordo con AOI, CINI e Link 2007 è parte della nuova strategia della FAO di collaborazione con diversi soggetti della società civile, del mondo accademico, delle organizzazioni non governative, delle cooperative e del settore privato.
Continua…

Sviluppo Sostenibile: ASviS oggi in audizione alla Camera serve una Legge di Stabilità coerente con gli impegni sottoscritti dall’Italia all’Onu

Il CINI aderisce all’ASviS – L’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile che riunisce  oltre 100 tra le più importanti istituzioni e reti della società civile – http://www.asvis.it/ –

Roma, 13 luglio 2016 – Il portavoce ASviS, Enrico Giovannini, in audizione alla Camera: “Bisogna cogliere subito l’occasione della Legge di Stabilità per colmare i ritardi in campo economico, sociale e ambientale rispetto agli impegni assunti dall’Italia con l’Agenda 2030”

Definire al più presto la Strategia italiana per lo sviluppo sostenibile per inserire nella prossima Legge di Stabilità e nel DEF interventi in grado colmare i ritardi del nostro paese. E’ la richiesta dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS), ascoltata stamane in Commissione Affari Esteri e Comunitari sul tema dell’attuazione dell’Agenda 2030 sottoscritta dall’Italia a settembre del 2015.

Continua…

Tassa europea sulle Transazioni Finanziarie: il Momento è Adesso

Schermata-2016-05-17-alle-12.00.2110.000 organizzazioni della società civile e sindacali da 39 Paesi scrivono a Renzi e altri leader UE

– Lettera aperta al Presidente del Consiglio Renzi e ai leader UE
Video sulla TTF

Roma 17.05.2016 –Ad un mese dall’ECOFIN di giugno, 10.000 organizzazioni della società civile assieme alle maggiori associazioni sindacali da 39 Paesi si rivolgono oggi ai 10 Capi di Stato e di Governo europei, tra cui il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, perché si concretizzi l’impegno, assunto lo scorso dicembre dai Paesi UE, di raggiungere entro giugno l’accordo per l’introduzione della Tassa europea sulle Transazioni Finanziarie (TTF).

 Dieci Paesi europei, tra cui l’Italia, sono oggi sul punto di annunciare un accordo storico. Un punto di svolta che contribuirebbe a disincentivare finalmente pratiche speculative sui mercati e a far versare al settore finanziario il “giusto contributo fiscale” agli Stati. Dopo tre anni di trattative non è infatti più giustificabile ritardare l’introduzione di quella che è divenuta la ‘tassa più popolare di sempre’ attraverso una petizione globale che nel 2015 ha superato1 milione di firme.

Continua…

Le Reti di ONG CINI, AOI E LINK scrivono al Ministro Gentiloni

paolo-gentiloni-600x300Le Reti di ONG AOI, CINI e LINK2007 scrivono al Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, e per conoscenza al Viceministro Mario Giro, per chiedere l’incremento della dotazione finanziaria complessiva del prossimo Bando.

Gentilissimo Signor Ministro,

Le scriviamo in merito al prossimo bando per il co-finanziamento di progetti realizzati da organizzazioni della società civile italiana, nel quadro delle strategie della nostra cooperazione internazionale allo sviluppo. Ad oggi abbiamo appreso che per il bando è prevista una dotazione finanziaria complessiva – a copertura delle prime annualità di co-finanziamento – di 20 milioni di Euro, con un incremento quindi di soli 5 milioni rispetto all’ultimo analogo bando gestito dalla DGCS e un decremento rispetto al bando del 2013, che era stato di 23,5 milioni di Euro. L’incremento rispetto all’ultimo bando è molto al di sotto, percentualmente, del maggiore stanziamento finanziario assegnato alla cooperazione allo sviluppo dalla legge di stabilità. Si tratterebbe a nostro avviso di un segnale in contro tendenza rispetto alla volontà di rafforzare la funzione strategica dei soggetti non governativi nelle strategie italiane di lotta alla povertà nel mondo e all’ indicazione più volte emersa in sede OCSE di destinare ai progetti realizzati dalle organizzazioni della società civile il 10% delle risorse disponibili. Alla luce di queste considerazioni, Signor Ministro, Le chiediamo di voler adoperarsi affinché l’importo complessivo di cui sopra possa essere significativamente innalzato.
Certi della Sua cortese attenzione, Le inviamo i nostri più cordiali saluti,

Silvia Stilli, Portavoce AOI
Antonio Raimondi, Portavoce CINI
Paolo Dieci, Presidente Link 2007 Cooperazione in Rete

Scarica la lettera
Lettera al Ministro Gentiloni

Il Coordinamento delle ONG Internazionali nomina il nuovo Portavoce

RaimondiRoma, 3 Febbraio 2016 – Le ONG del CINI – Actionaid, AMREF Health Africa, CBM – Christian Blind Mission, Save the Children, Terre des hommes e Volontariato Internazionale per lo Sviluppo, hanno nominato alla carica di Portavoce Antonio Raimondi. Già Sindaco di Gaeta, Raimondi vanta una lunga e consolidata esperienza nel mondo della Cooperazione internazionale allo sviluppo iniziata nel 1991 con il VIS, di cui è stato Presidente dal 1993 al 2007, e proseguita con missioni in molti Paesi. Profondo conoscitore del Sud del mondo, inizia a dedicarsi all’insegnamento presso la Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Pavia, dove contribuisce a istituire il Master in Cooperazione allo Sviluppo di cui è tuttora membro del Comitato Tecnico Scientifico e docente di Storia della Cooperazione Internazionale e Politiche dell’Aiuto allo Sviluppo. E’ inoltre docente presso l’Università di Betlemme e di Nairobi.

 “E’ un onore per me essere stato scelto a ricoprire questo importante ruolo che spero di svolgere al meglio facendo leva sulla mia esperienza ed entusiasmo” ha dichiarato il neo Portavoce del CINI.

Antonio Raimondi succede a Maria Egizia Petroccione, Direttrice del Dipartimento di Advocacy e Policy Internazionale di Save the Children Italia, alla quale tutti i soci hanno manifestato grande apprezzamento e gratitudine per il lavoro svolto e per avere contribuito in modo determinante alla crescita e al consolidamento del CINI.

Le organizzazioni del CINI sono certe che Raimondi saprà continuare il percorso intrapreso dal CINI in questi anni per essere sempre più all’altezza delle sfide globali e proseguire, con rinnovato slancio, l’iniziativa del CINI in favore di una cooperazione internazionale allo sviluppo efficace e di qualità, a tutti gli effetti parte integrante e qualificante della politica estera italiana, che apra l’Italia al mondo, facendole ritrovare un riconoscibile ruolo nel contesto internazionale.

Soddisfazione del CINI per la nomina di Laura Frigenti alla carica di Direttrice della nuova Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo

Laura FrigentiRoma, 24 novembre – Le ONG aderenti al CINI – Coordinamento Italiano ONG Internazionali esprimono soddisfazione per la nomina della dottoressa Laura Frigenti alla carica di Direttrice della nuova Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, che completa un importante passaggio del processo di riforma avviato con l’approvazione della legge 125/2014.
Da sempre il CINI è convinto che l’Italia può e deve compiere una trasformazione culturale aprendosi alle sfide globali, dotandosi di una cooperazione internazionale allo sviluppo moderna ed efficace che sappia rispondere alle sfide presenti e future. Le organizzazioni del CINI sono certe che la Direttrice Laura Frigenti saprà svolgere al meglio il delicato ruolo affidatole, garantendo, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, il rilancio del sistema italiano di cooperazione affinché diventi a tutti gli effetti parte integrante e qualificante della politica estera italiana.
Il CINI auspica inoltre che il rinnovato sistema di cooperazione sappia valorizzare, a fianco degli altri soggetti della società civile, la specificità delle ONG internazionali che da decenni si caratterizzano per competenza ed esperienza ed hanno la cooperazione al centro della loro missione.

Attacchi all’indipendenza, scarsi finanziamenti: Corte penale internazionale a rischio. Le Ong italiane chiedono al governo di difenderne indipendenza ed efficacia

la-palestina-entra-in-corte-penale-internazionale_7eb80274-d857-11e4-8d4a-66fe1d458682_new_rect_large

COMUNICATO STAMPA

Roma, 18 novembre 2015 – In occasione dell’apertura della 14esima sessione dell’Assemblea degli stati parte dello Statuto di Roma, in programma all’Aia dal 18 al 26 novembre, Amnesty International Italia, CINI – Coordinamento italiano NGO Internazionali, Link 2007 – Cooperazione in rete e Non c’è pace senza giustizia esprimono grande preoccupazione per il rischio che la Corte penale internazionale non sia in grado, per l’insufficienza di fondi e le minacce alla sua indipendenza, di svolgere il suo ruolo di argine contro l’impunità per gravi crimini.
Le sopra citate Reti e Ong si sono rivolte all’Italia, in quanto stato ospitante la conferenza istitutiva del 1998, sollecitando il governo a chiedere con maggiore forza alla comunità internazionale di continuare a credere nella giustizia penale internazionale mettendo la più importante delle sue istituzioni in condizione di funzionare in modo efficace.
Non farlo – sottolineano le Ong – significherebbe tradire le speranze di migliaia di vittime che attendono giustizia per crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidio.

Novità ai vertici del CINI: Maria Egizia Petroccione, Portavoce del CINI dal 2008, lascerà la posizione a fine ottobre

COMUNICATO STAMPA

Roma, 8 ottobre 2015 – Novità ai vertici del CINI – Maria Egizia Petroccione, alla fine del mese di Ottobre, lascerà la posizione di Portavoce del CINI che ricopre dall’Aprile del 2008.
Maria Egizia Petroccione ha dichiarato: “Sono stati quasi otto anni molto interessanti, di grande crescita e consolidamento del CINI e di grandi soddisfazioni, anche personali, per i risultati raggiunti e per i cambiamenti positivi che abbiamo contribuito a determinare nelle politiche di cooperazione dell’Italia. Dopo un così cospicuo numero di anni, sento il bisogno di un cambiamento per continuare ad ampliare gli orizzonti della mia esperienza professionale, per questo, a partire dal mese di novembre, andrò a dirigere il Dipartimento di Advocacy Internazionale di Save the Children Italia. Lascio dunque il ruolo di Portavoce ma non lascio il CINI che continuerò a seguire tramite Save the Children”.

Nota: sarà pubblicata a breve la vacancy sul sito del CINI per la selezione di un/una nuova Portavoce.