La Cooperazione internazionale allo sviluppo che vogliamo

In occasione del Forum della cooperazione internazionale che si terrà a Milano l’1 e 2 ottobre 2012, il CINI, l’Associazione delle Ong italiane e Link 2007 presentano una nota congiunta sul tema “La cooperazione internazionale allo sviluppo che vogliamo”. Il documento è nato in seno alla conferenza “La cooperazione italiana dell’Italia: una risorsa da valorizzare, modernizzare, rilanciare”, promossa il 1° marzo 2012 dalle Ong italiane, insieme a Forum del Terzo Settore e altre organizzazioni della società civile. In quell’occasione un documento di analisi e proposte venne presentato al Ministro della cooperazione internazionale e dell’integrazione, al Ministero degli Esteri e a rappresentanti delle forze politiche e del Parlamento. Questo nuovo documento, “La cooperazione internazionale che vogliamo”, riprende e attualizza il precedente, al fine di fornire elementi di approfondimento al Forum della cooperazione internazionale. La nota verrà presentata nel corso della tavola rotonda “La risposta dell’Italia” in programma martedì 2 ottobre, ore 9, al Piccolo Teatro Streheler di Milano.
Scarica il Documento

Rapporto AidWatch 2012

Il totale dell’investimento europeo per la lotta alla povertà,  gli obiettivi del Millennio e lo sviluppo sostenibile è stato nel 2011 di 53 miliardi di Euro. Nove Paesi, Lussemburgo,  Svezia,  Danimarca,  Paesi Bassi, Gran Bretagna,  Malta, Belgio,  Irlanda,  Finlandia hanno mantenuto lo stanziamento finanziario al di sopra dello 0,5% del PIL, tenendo fede agli impegni assunti. Germania e Francia sono di poco al di sotto dello 0,5%,  pur rimanendo in posizione di rilievo. Undici Paesi europei hanno invece tagliato i finanziamenti rispetto al 2010 e la più alta diminuzione è stata quella di Spagna (-53%) e Italia (-38%).
Scarica il Rapporto AidWatch 2012

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE DELL’ITALIA: UNA RISORSA DA VALORIZZARE, MODERNIZZARE, RILANCIARE

1. La centralità della cooperazione internazionale
La globalizzazione, con i cambiamenti politici, economici, sociali che stanno modificando gli equilibri, le strategie e i rapporti internazionali, ha profondamente mutato la natura stessa della cooperazione internazionale. Oggi, in un mondo in costante e rapida trasformazione, la cooperazione internazionale deve essere uno strumento essenziale di tutta la strategia internazionale dell’Italia, in termini di coerenza,  coordinamento  ed efficacia delle politiche, per ridare ruolo e credibilità al nostro Paese. Essa ha assunto un’importanza sempre maggiore per dare credibilità ed efficacia al complesso delle politiche internazionali e all’azione esterna del nostro paese a livello bilaterale, nell’ambito europeo e multilaterale. Si tratta di uno strumento fondamentale per la stabilità e la pace e per continuare a garantire all’Italia un ruolo primario nelle sedi internazionali e nel rapporto con i tutti i paesi.

Leggi il Documento

BUSAN: Dichiarazione della rappresentante della società civile alla cerimonia conclusiva

Fourth High Level Forum on Aid Effectiveness: Closing Ceremony–Emele Duituturaga, Co‐Chair, Open Forum for CSO Development Effectiveness. Ni  sa  Bula  vinaka  and  warm  Pacific  Island  greetings.  On  the  behalf  of  the  300  Civil  society  representatives  at  this  Forum,  we  thank  the  Government  and  the  people  of  the  Republic  of  Korea  for  your  warm hospitality  and  standards  of  excellence  in  the  arrangements  for  this  meeting.  Our  participation  as  global  citizens  has  often  been  marred  by  detentions  of  civil  society  leader  at  airports,  not  being  allowed  to  board  planes  or  get  past  immigration  officials.  But  the  smooth  entry  into  Korea  was  the  first  good  omen  that  our  journey  to  Busan  for  a  Better  world  was not in vain.
Leggi la dichiarazione

Forum PD sulla Cooperazione: l’intervento del CINI.

Roma, 21 luglio 2011. Maria Egizia Petroccione – Coordinatrice CINI
Sappiamo tutti fin troppo bene quanto il quadro geopolitico mondiale sia profondamente mutato negli ultimi anni. Le sfide sono ormai globali e richiedono una risposta globale, che la politica può e deve garantire. Il mutato contesto geopolitico impone un ripensamento dell’idea stessa di Cooperazione Internazionale, così come il ripensamento della governance mondiale.
Come risponde l’Italia a queste grandi sfide?
Richiudendosi su se stessa e azzerando di fatto la Cooperazione allo Sviluppo. Le attività di cooperazione internazionale del nostro paese hanno raggiunto, negli ultimi anni, i minimi storici: non siamo mai scesi ad un livello così basso di impegno. I dati sullo stato dell’aiuto pubblico allo sviluppo dell’Italia, pubblicati dall’OCSE, sono la dimostrazione del drammatico stato in cui versa la cooperazione allo sviluppo nel nostro Paese.
Scarica il documento.

AIDWATCH: 2010 COLPITA, ITALIA AFFONDA L’EUROPA

Sintesi del rapporto AIDWATCH 2011 – Maggio 2011
Guardando al 2015, al di là della deludente prestazione del 2010, si prevede che l’aiuto europeo crescerà molto più lentamente di quanto sarebbe necessario per raggiungere l’obiettivo dello 0,7% del PIL fissato per il 2015. Stando alle proiezioni e in base alle attuali tendenze, lo scarto collettivo non farà che aumentare ogni anno fino al 2015. In base alle previsioni l’entità dell’aiuto in proporzione al PIL nel 2015, – anno che rappresenta la scadenza ultima per raggiungere gli Obiettivi del Millennio – raggiungerà un deludente 0,45%. I maggiori responsabili di un tale scarto sono l’Italia (che si appresta a ridurre significativamente i già bassi livelli di APS/PIL e arriverà ad uno scioccante 0,09% nel 2015); la Francia e la Germania (che realizzeranno solo il 60 % degli impegni presi entro il 2015); e l’Austria (che manterrà i modesti livelli di APS/PIL stabili intorno allo 0,32%). Infine si prevede che la Danimarca, che sinora era stata uno dei Paesi con la migliore prestazione, congelerà l’aiuto in termini nominali, non raggiungendo l’obiettivo nazionale dello 0,8% per i prossimi cinque anni.

Scarica il documento

Rapporto AidWatch 2011

In contemporanea con il lancio in tutta Europa, è stato presentato il 19 maggio in Italia il quinto rapporto Aidwatch 2011, elaborato dalla Confederazione europea di ONG CONCORD. Nel rapporto Aidwatch, CONCORD stila per i 27 paesi dell’Unione Europea la valutazione delle politiche di lotta alla povertà, con le raccomandazioni da seguire per ogni Paese membro.

Scarica il Rapporto AidWatch 2011

LA RECESSIONE NON TOCCA LE ARMI NONOSTANTE LA CRISI E IL BEL PAESE NON STA A GUARDARE

Articolo di Riccardo Troisi, Presidente ReOrient, presentato in occasione della Conferenza CINI “Coerenza delle politiche per lo sviluppo: a che punto è l’Italia? Obiettivi, Strategie, Strumenti.” Febbraio, 2010.
L’Italia: le spese militari ed il suo export militare
È veramente paradossale, nonostante la crisi economica globale, le spese per gli armamenti a livello mondiale  sono aumentate del 5,9% nel 2009 e del 49% rispetto solo a dieci anni fa, per un totale di 1531 miliardi di dollari. Gli ultimi dati del rapporto annuale su armamenti, disarmo e sicurezza internazionale presentati  un mese fa dall’Istituto di ricerca internazionale sulla pace di Stoccolma (Sipri) non lasciano dubbi  “Gli effetti generali della crisi finanziaria globale e la recessione economica – dice il rapporto – sembra abbiano avuto un limitato impatto sulle spese militari  con gli Stati Uniti (dove la crisi è stata generata, ndr) che hanno contato per gran parte della spesa per nuove armi”. Il governo di Washington è stato quello che più degli altri ha aumentato i fondi a disposizione del settore militare e a livello globale ha contato per il 43% di tutte le transazioni.

Scarica l’articolo

Regolamentare la finanza: cos’altro stiamo aspettando?

Articolo di Andrea Baranes, Portavoce Campagna 005, presentato in occasione della Conferenza CINI “Coerenza delle politiche per lo sviluppo: a che punto è l’Italia? Obiettivi, Strategie, Strumenti.” Febbraio, 2010.
A tre anni dallo scoppio della peggiore crisi finanziaria della storia recente, a due dal fallimento di Lehman Brothers e dopo il moltiplicarsi di vertici internazionali, dal G20 in poi, cosa è stato fatto per riformare il sistema finanziario? Nel 2006 il 30% delle operazioni sui mercati finanziari erano eseguite da algoritmi di computer senza alcun intervento umano. Nel 2010 queste operazioni, che si concludono spesso nell’arco di pochi millesimi di secondo e che non hanno alcun rapporto con l’economia reale, erano aumentate al 60% del totale.

Scarica l’articolo.

DOCUMENTO CINI: FINANZIARIA 2011, AIUTO ALLO SVILUPPO SOLO GRAZIE ALL’EUROPA

2010: un anno perduto per la cooperazione allo sviluppo

Nel 2010 l’aiuto pubblico italiano sul prodotto interno lordo (APS/PIL) potrebbe arrivare attorno allo 0,20%[1], un aumento del 25% rispetto all’anno precedente. Questo consistente incremento è dovuto più alle scelte di tutta la comunità dei donatori, cui l’Italia s’è allineata, che ad una volontà del nostro Paese di iniziare a saldare gli arretrati accumulati. Infatti se nel 2010 non verrà perfezionata la cancellazione del debito della Repubblica Democratica del Congo, l’aiuto pubblico del nostro Paese  precipiterà allo 0,15% del PIL, praticamente lo stesso livello del 2009.

Alla fine del 2010, i livelli di aiuto nell’Europa a 27 raggiungeranno lo 0.46% del PIL (lo 0,48% nell’Europa a 15) lontani dall’obiettivo collettivo dello 0,56% stabilito nel 2005, con un ammanco di circa 11 miliardi di euro rispetto a quanto promesso. La maggior parte di questo deficit dipende dai tre grandi Stati membri: l’Italia (40%), la Germania (23%) e la Francia (7,5%). Se non verrà cancellato il debito alla Repubblica Democratica del Congo, l’ammanco sarà ancora maggiore.

LEGGI IL DOCUMENTO