VERSO IL SUMMIT G8, WWF: SU CLIMA INGHILTERRA, FRANCIA E GERMANIA SUL PODIO, ITALIA ‘FERMA’ IN QUARTA POSIZIONE

Studio del WWF e Allianz detta le ‘pagelle’ dei paesi del G8, tutti ancora troppo lenti nella
corsa contro i cambiamenti climatici
I paesi del G8 non stanno facendo abbastanza nella lotta contro i cambiamenti climatici: è questo il risultato del rapporto G8 Climate Scorecards diffuso oggi al livello mondiale dal WWF e da Allianz in vista del G8 che si terrà a Hokkaido, Giappone, dal 7 al 9 luglio. Il rapporto, giunto alla seconda edizione, è una sorta di barometro sulle politiche di riduzione delle emissioni dei ‘grandi’ della terra classificati secondo nove parametri, come il trend delle emissioni di gas serra dal 1990 a oggi, i progressi fatti per rispettare il protocollo di Kyoto, l’efficienza energetica, l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili e lo sviluppo del mercato del carbonio.

Scarica il documento

Appello alle forze di governo e di opposizione

Non si alzino muri per legge sull’immigrazione, la sola risposta seria è un’ampia e coerente politica di cooperazione internazionale.

Roma, 15 maggio 2009 – Le ONG del CINI manifestano seria preoccupazione sulle scelte politiche connesse al Pacchetto Sicurezza approvato dal Parlamento e sulle politiche di mero contenimento emergenziale dei flussi migratori attuate in questi mesi. Simili scelte non risolvono la questione dell’immigrazione anzi la complicano; si preferisce alzare i muri senza considerare le radici profonde di queste migrazioni e delle tragedie che portano milioni di uomini e donne, spesso loro malgrado, a spostarsi dal Sud del mondo verso il Nord. Un fiume in piena che tracima sulle sponde del benessere. Continua…

World Vision Italia diventa membro osservatore del CINI

Roma, 25 marzo 2009 – E’ con soddisfazione che il CINI, Coordinamento Italiano Network Internazionali – composto da Actionaid, AMREF, Save the Children, Terre des hommes, VIS e WWF – da il benvenuto a World Vision Italia.

World Vision Italia Onlus è un’associazione senza fini di lucro con l’obiettivo di migliorare le condizioni di vita dei poveri e disagiati, in particolare dei bambini, promuovendo la solidarietà internazionale, i valori cristiani, la tolleranza, la cooperazione e lo sviluppo, la pace e i diritti umani. World Vision Italia Onlus è parte del network internazionale di World Vision, impegnato nello sviluppo e cooperazione internazionale dal 1950, presente in 98 paesi. Continua…

Conferenza internazionale “Aid effectiveness: Perspectives from the South and the North”

Giovedì, 26 febbraio 2009 dalle ore 09:00 alle 14:00
Camera dei Deputati, Sala delle Colonne, Via Poli 19 Roma

Roma, 26 febbraio 2009 – “La leadership politica è il motore più importante per generare cambiamento. Senza segnali chiari dalla politica e dalla dirigenza, ogni cambiamento di norme procedurali, di gestione delle risorse umane o dei sistemi di rendicontazione degli aiuti allo sviluppo, avrà sempre un impatto limitato”. Questo l’appello di Maria Egizia Petroccione, Portavoce del CINI, Coordinamento Italiano Network Internazionali, composto da ActionAid, Amref, Save the Children, Terre des hommes, Vis e WWF. Continua…

Conferenza internazionale “Aid effectiveness: Perspectives from the South and the North”

Giovedì, 26 febbraio 2009 dalle ore 09:00 alle 14:00
Camera dei Deputati, Sala delle Colonne, Via Poli 19 Roma

Roma, 18 febbraio 2009 – Il CINI, Coordinamento Italiano Network Internazionali, composto da ActionAid, Amref, Save the Children, Terre des Hommes, Vis e WWF, riunirà a Roma un gruppo di esperti di aiuti allo sviluppo provenienti da paesi del Nord e del Sud del mondo, allo scopo di contribuire al dibattito sull’efficacia degli aiuti con una prospettiva che unisca paesi donatori e paesi partner, nella conferenza internazionale dal titolo “Aid effectiveness: Perspectives from the South and the North”. Continua…

Firmata convenzione tra la Direzione Generale Cooperazione allo Sviluppo, l’Associazione delle ONG Italiane e il Coordinamento Italiano Network Internazionali

Roma, 22 gennaio 2009 – E’ stata firmata ieri alla Farnesina una convenzione tra la Direzione Generale Cooperazione allo Sviluppo (DGCS) della Farnesina, l’Associazione delle ONG italiane e il Coordinamento Italiano Network Internazionali (CINI) che stabilisce una collaborazione organica per migliorare l’efficacia dell’aiuto allo sviluppo. Con tale strumento la Cooperazione italiana mira ad adeguare la propria operatività agli standard internazionalmente riconosciuti in materia, sanciti dalla Dichiarazione di Roma del 2003, da quella di Parigi del 2005, e dal documento finale del Foro di Accra del settembre scorso, la ‘Accra Agenda for Action’. Continua…

Pacchetto Sicurezza: Non si alzino muri per legge sull’immigrazione, la sola risposta seria è un’ampia e coerente politica di cooperazione internazionale

Roma, 15 maggio 2009

Le ONG del CINI manifestano seria reoccupazione sulle scelte politiche connesse al Pacchetto Sicurezza approvato dal Parlamento e sulle politiche di mero contenimento emergenziale dei flussi migratori attuate in questi mesi. Simili scelte non risolvono la questione dell’immigrazione anzi la complicano; si preferisce alzare i muri senza considerare le radici profonde di queste migrazioni e delle tragedie che portano milioni di uomini e donne, spesso loro malgrado, a spostarsi dal Sud del mondo verso il Nord. Un fiume in piena che tracima sulle sponde del benessere.

Le misure adottate offendono profondamente il principio universale di uguaglianza degli esseri umani senza distinzione di lingua, di religione, di razza ma soprattutto mostrano una grave incomprensione delle sfide globali cui il mondo è chiamato a rispondere nei prossimi anni, specie in termini di giustizia sociale. Il Governo Italiano ha smesso di impegnarsi nella cooperazione internazionale ed ha più che dimezzato, in un solo anno, i relativi fondi. Cosicché quella fra le linee strategiche, che più di altre è idonea a creare relazioni sociali, economiche e culturali equilibrate e serie garanzie di prevenzione dei conflitti sociali planetari, è stata praticamente cancellata dall’agenda di questo Governo. Continua…

Denuncia CINI: finanziaria mette a rischio impegni internazionali dell’Italia

Roma, 22 dicembre 2008 – “La Finanziaria per il prossimo anno toglie alla Cooperazione allo sviluppo oltre il 56% di quanto previsto dalla Finanziaria 2008. Nel 2009 la cooperazione italiana toccherà il suo punto di minimo in 20 anni, ossia lo 0,09% in rapporto al PIL. Questa Finanziaria ignora con preoccupante disinvoltura tutti gli impegni che l’Italia ha preso in ambito internazionale ed europeo per la Cooperazione allo Sviluppo e lo fa alla vigilia del G8 di cui l’Italia avrà la presidenza”. Questa la denuncia lanciata dal CINI, Coordinamento Italiano Network Internazionali composto da ActionAid, Amref, Save the Children, Terre des Hommes, Vis e WWF dopo l’approvazione della legge Finanziaria per il prossimo anno. Continua…

Allarme CINI: cooperazione italiana al minimo storico

Roma, 13 novembre 2008 – “Nonostante la mobilitazione della società civile, gli appelli delle ONG e delle reti, le sottoscrizioni, le lettere aperte sui giornali e l’impegno di numerosi parlamentari, tutti gli emendamenti proposti per incrementare i fondi destinati alla cooperazione allo sviluppo sono stati bocciati alla Camera. Nel 2009 la cooperazione italiana toccherà il suo punto di minimo in 20 anni, ossia lo 0,09% in rapporto al PIL; ci auguriamo che almeno non siano passati emendamenti peggiorativi.” Questo l’allarme lanciato dal CINI, Comitato Italiano Network Internazionali composto da ActionAid, Amref, Save the Children, Terre des Hommes, Vis e WWF al termine della votazione alla Camera della legge Finanziaria. Continua…

Finanziaria 2009: il vero volto dei tagli

Roma, 10 ottobre 2008 – “SI RISCHIA DI TOCCARE IL MINIMO DAL 1987. Meno 56% rispetto alle previsioni dello scorso anno. Importanti i costi umani e d’investimento per il Sud del mondo.”

CINI: “Italia sempre più lontana dagli obiettivi del Millennio, rallenta e rischia di far deragliare le ambizioni europee. A rischio migliaia di progetti di sviluppo” Continua…